Alex Zanardi – Del ritratto

Alessandro Zanardi. E la relazioe ritratto-fotografia.
Una condizione semplice: non facile, semplice.
Dove il grado di complessità sta nell’eludere tutti i cliché che accompagnano la tormentata relazione.
Questo lavoro credo si presti per una breve riflessione.

Non c’è anima che tenga: non me ne occupo, non ne ho il tempo, non sono un predicatore e sono già abbastanza trafelato con la mia.
Non si può continuare a collocare con nonchalance certe parole, anche quelle consolidate: se c’è un’anima, nel ritratto soprattutto, è quella dell’autore. Ed è l’unica che cogliamo.
Prima di questo shooting ho incontrato Alessandro Zanardi una sola volta in compagnia di Michele Dalai, per l’anima semmai ci vuole un tempo che non è il nostro.

Nell’occasione scattai una double snapshot, con una compatta analogica flash on.

Alex Zanardi by © Efrem Raimondi - All Rights ReservedAnno 2003. Cinque anni prima del redazionale per Men’s Health diretto da Luigi Grella – una direzione intelligente e molto coraggiosa.
In qualche modo proprio questa snap cruda è la matrice del ritratto di apertura.
E ancora, l’anima non c’entra niente.
Conta molto di più la spinta che il grandangolo medio, l’equivalente di un 35 mm. full frame, dà a tutto l’isieme. Spazio incluso.
E così sfatiamo l’avversione al grandangolo nel ritratto: lo uso nel 90% delle situazioni.
È solo una questione di modulazione e dialettica con lo spazio, a partire da quel rettangolino che è il mirino della fotocamera: succede tutto lì dentro.

Non è la verità assoluta. Ognuno faccia come crede ma la profondità che restituisce, il dinamismo, non hanno eguali.

Alex Zanardi by © Efrem Raimondi - All Rights ReservedFatta questa, abbiamo affrontato lo studio a campo aperto: un limbo bianco molto generoso.
Prima con la sedia a rotelle. E qui gli ho chiesto se gli andava di scorrazzare.
Ha scorrazzato. Prendendo possesso di tutto il bianco che c’era.

Alex Zanardi by © Efrem Raimondi - All Rights ReservedAlex Zanardi by © Efrem Raimondi - All Rights ReservedA seguire un fronte e un back, a campo più stretto e nessun dinamismo: la handbike con la quale ha fatto la Maratona di New York.

Alex Zanardi by © Efrem Raimondi - All Rights Reserved L’urgenza di un primo piano. Stretto.
Cambio ottica e monto l’equivalente di un 50 full freme. Di solito aggiungo un tubo di prolunga. Qui no, trattandosi di un piano sequenza piuttosto rapido: PAM – PAM – PAM. Stop

Alex Zanardi by © Efrem Raimondi - All Rights ReservedAlex Zanardi by © Efrem Raimondi - All Rights ReservedAlex Zanardi by © Efrem Raimondi - All Rights ReservedE invece no stop. Perché mentre Alessandro si cambia, gli assistenti stanno mettendo a posto lo studio ecetere eccetera, io son lì fermo che guardo il pavimento del limbo.
E tutti quei segni, le tracce dello scorrazzamento, assumono un’altra valenza.
Di nuovo grandangolo. Si piazza un flash; parabola quella che c’è va bene; frostata.
Diretto e scatto.

Alex Zanardi by © Efrem Raimondi - All Rights ReservedStop. Adesso sì, shooting finito.
Un’immagine non preventivabile. Che non sapevo neanche se il magazine l’avrebbe usata. Ma per me non poteva mancare.
Una volta che le cose le vedi ti risultano nitide e procedi.
Non penso, non ce n’è bisogno, procedo. È un flusso…
Se questa immagine non l’avessi fatta mi sarebbe mancata.
Anche al magazine, visto che è stata pubblicata.

Funziona così: non pensare al ritratto. Fallo come fosse una qualsiasi fotografia.

Fashion consultant, Paolo Lapicca
Stylist, Monia Ripamonti
MUA, Guja
Assistente fotografia, Emanuela Balbini

Come tutti, spero di rivedere presto ristabilito Alex.

© Efrem Raimondi. All rights reserved.

Condividi/Share

20 thoughts on “Alex Zanardi – Del ritratto

  1. Per quel che vedo l’autore, come in tutte le fotografie che ha pubblicato, anche qui mostra la sua anima irredenta: persino nel ritratto cerca qualcos’altro, un senso generale. Sa che il mondo si rivela con una lingua strana, allora è attento a tutti i segni, un cacciatore.di linguaggio.

  2. mi è piaciuta la tua descrizione, mi hai fatto sentire al tuo fianco, emozionante l’idea dei segni, come graffiti a raccontare storie o meglio a lasciarle immaginare. Spesso non sappiamo perchè alcune foto si fanno e altre no o almeno non lo comprendiamo razionalmente, invece sono già dentro di noi…

  3. Il ritratto in smoking è fantastico ma un po’ tutto direi. Con anche la chicca dei segni neri pavimento bianco. Bellissimo tutto Efrem.

  4. Le “sgommate” sul pavimento riassumono in un solo scatto la volontà, la forza, l’impegno che Zanardi mette in quello che fa, quello in cui crede ed è lo scopo della sua vita.
    Lo scatto che non poteva mancare!

  5. Dentro il fotogramma con i segni delle ruote ho sentito forte l’odore delle sgommate. Quel carosello che I piloti fanno a gara vinta. Un po’ come quei vaccari che cercano di domare il cavallo sotto di loro e sollevano polvere tutto intorno. Successivamente la scena dell’auto che tronca in due pezzi quella di Alex.
    Visto che hai pensato poco, sappi che fai pensare, molto. Grazie sempre.

    • tutto prodotto dalla sedia a rotelle. e dall’energia di zanardi. ma è curioso che me ne sia reso conto a shooting ultimato. prima non ci avevo pensato, almeno non lo ricordo.
      grazie a te Fabio

  6. Eh vabbè… applausi in sequenza pam pam pam (scusa, non mi vengono in mente commenti non retorici che pure meriteresti assai)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *