Bianca dorme

Bianca dorme.
Faccia in giù che non so come fa.
Braccio avanti saldamente in mano il cerchietto.
Braccio indietro abbandonato a sé stesso.
Coperta a metà.
Prendo l’iPhone.
Quasi in pianta.
Scatto.

Fine.
Forse sarà un suo souvenir…

Di certo è il mio.
Non c’è altro da aggiungere.

Ma di cosa ancora dobbiamo parlare?

Bianca dorme © Efrem Raimondi - All Rights Reserved

Bianca dorme, gennaio 2018

© Efrem Raimondi. All rights reserved.

Condividi/Share

14 thoughts on “Bianca dorme

  1. Non so per quali strani meccanismi mentali questa immagine mi ricorda le fotografie di Cartier Bresson. Che non c’entra nulla. Ma che importanza ha? Quello che conta è che in questa fotografia c’è tutta la dolcezza del mondo. Sarò stupido, ma mi commuove da tanto è bella…

  2. in effetti non so dire neanch’io adolfo. ma a volte i percorsi non sono logici. e non per questo immotivati… va’ a saperlo!
    perché stupido? la commozione è un valore. grazie!

  3. Mi ha colpito la manina abbandonata …. nel sonno dei giusti, forse perché ancestralmente esporre il palmo della mano è segno di pace, di resa, di abbandono, un gesto di comunicazione non verbale che significa fiducia e amicizia.
    Una foto bellissima e tenerissima che mi ha commosso.

  4. Perché tenera? Cos’ha di tenero? Che forse basta fotografare una bimba e è tenerezza subito? Questa fotografia mi piace molto ma tenera no. Scusatemi ma la vedo così.

  5. Mi sono sconosciuti i percorsi che vengono battute dalla suggestione, spesso provo a capire come sono arrivato li senza arrivare a nessuna risposta; ma guardando la sua foto mi è tornata in mente una fotografa di cui possiedo un bellissimo libro Flor Garduño buona giornata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *