ENNE HD + 1

Quello che sto facendo da una settima è sfogliare la mia vita: 12 hard disk da 1TB aperti in contemporanea.
Più uno: io. Cioè quello che mi fa perdere un sacco di tempo.
E ho un sito da rifare.
Non sono solo, non potrei farcela e non ho le competenze per affrontare un sito ex novo.
Però l’editing è affar mio.

Ed è davvero come sfogliare la propria vita.
Quindi mentre sono infilato in questo archivio – che non è esauirto in 12 HD – mi viene in mente quella fotografia là per quel lavoro là.
Proprio quella.
E non la trovo.

Ho pensato all’intervento di Laura Manione, sull’archivio, a ISOZERO Lab – il mio laboratorio didattico sul quale ritornerò visto che a ottobre si riparte – e a quanto mi sarebbe stato utile organizzarne uno digitale un po’ più efficace dell’attuale.
Non l’ho mai fatto col criterio che richiederebbe e ne pago le conseguenze.
Comunque quella fotografia là è sempre nel mio archivio mentale.
E preme.
Per poi scoprire che non l’ho mai scansita!
E mentre la cerco analogicamente, ne salatano fuori altre.
Un disastro…

Erano nella mia memoria, ma depositate sotto. Anche molto sotto.
E forse alcune sarebbe stato meglio non riemergessero.
Che davvero è di vita che parlo. Ed è una storia complessa da affrontare.

La fotografia è per me essenzialmente un luogo.
Un ripostiglio. Più nobile in latino: repositorium.
Il luogo dove depositare le cose più care. Le più preziose.
E in fondo, anche la memoria lavora così: conserva e poi restituisce.
Anche la matrice solida funziona così: la pellicola conserva.
E poi d’emblée ti spara in faccia tutto anche dopo un secolo.
Cazzo…

Ho trovato quella che cercavo: una poltrona fotografata per Sawaya & Moroni nell’88.

© Efrem Raimondi . All Rights ReservedE poi fuori le altre, come quella dell’87 per Egon von Furtsnberg/GAP che non ricordavo di aver scattato anche in BN.

© Efrem Raimondi for Egon von Furtenberg- All Rights ReservedO per Sportmax/GAP, 1989. Con pelliccia rigorosamente sintetica.
Che il pelo degli altri io non lo fotografo…

© Efrem Raimondi for Sportmax- All Rights ReservedMa anche un iris del ’92.

IRIS by © Efrem Raimondi - All Rights ReservedPer me tutto è la stessa cosa.

Insomma la storia è questa: si aggiorna a oggi ma i conti si fanno con tutto il percorso.
In fotografia, sempre
E l’opera è al centro. Talmente al centro che mi sono convinto che la fotografia che mi piace è prodotta da persone che mi piacciono.

In fondo è così: mi piace/non mi piace.
E la tua visione, quella che mostri, muove la mia memoria. O no.
Tutto o niente.
Un solo hard disk: tu.
Sfogliare un archivio però…

Non so quando, ma avrò un nuovo sito.
Nel frattempo è dura.

© Efrem Raimondi. All rights reserved.

Condividi/Share

14 thoughts on “ENNE HD + 1

  1. Ciao Efrem ; scrivi in modo fluido e chiaro sempre .
    Una cosa non ho capito ; xche’ dici che “ per me tutto e’ la stessa cosa “ ??
    Dai risultati , cioè dagli scatti qui sopra esposti non si direbbe proprio ….

      • Non capisco cio’ che vuoi dire quando dici che per te “ tutto e’ la stessa cosa “….
        Le fotografie che hai postato sono tutte molto diverse , quindi anche il tuo approccio mentale e’ diverso , oppure non avresti ottenuto questi risultati credo …
        Per questo non comprendo la tua affermazione

        • il soggetto è del tutto relativo.il soggetto è solo l’autore. questo intendo dire.
          ma cos’hanno di diverso queste immagini secondo te?

  2. In questo momento io devo scegliere 5 – cinque foto importanti per me del mio corpus. Non è lo stesso esercizio perché nel mio caso ho uno scopo ancora non precisissimo ma c’è, e questo scopo “aiuta”. Però camminavo e parlavo proprio ieri mattina di questo scegliere nel mio corpus quelle 5 foto, se dovessi sceglierle per rappresentare la mia produzione per intero, o concentrarmi solo sull’aspetto più strettamente autoriale di progetti fatti e finiti. Mi hanno chiesto: e se tu dovessi scegliere un’immagine che rappresenti dei “temi” per esempio una ogni 5 anni, ci sarebbero?
    La cosa buffa e bella assieme è che ci sarebbero, e che quel filrouge c’è è rimasto evoluto tantissimo ma c’è: gli spazi, il verde da raccontare, la vita da comprendere attraverso l’obbiettivo. Sedimentate nella mia testa ci sono moltissime, anche della primissima produzione ossia di quando totalmente scevra da fini e consapevolezze realizzavo foto facendo fatica a reggere la macchina in mano, piedini larghi ben piantati e strizzando a fatica l’occhio nel mirino. Ma dove diamine sono? Non ne ho idea.
    Ho iniziato a realizzare severamente l’archivio – me lo ha confermato proprio la lezione di Laura – nel preciso momento in cui decisi che volevo diventasse il mio lavoro, sfruttando le lezioni fatte ad archivistica ad architettura che ringrazio molto, ed è già molto. Ma del prima?
    Complice la mia insicurezza in quel periodo non consideravo alla stessa stregua ciò che relizzavo “di pancia”, e ancor meno ciò che avevo prodotto prima di quella “volontà”. Pochissimi negativi sopravvissuti, mi restano le stampe che ora custodisco più gelosamente di qualsiasi tesoro.

  3. Ti seguo da un po’, da quando ti ho visto e sentito a Colorno e incontrato e conosciuto a BDC . Te l’avevo anche detto che mi avevi illuminato.
    Leggendoti sul blog mi sorprende ogni volta l’affinità che ho con il tuo approccio alla fotografia perché è come se riuscissi a vedere quello che vuoi dire. E allora provo ad andare in quella direzione, cercando quell’attitudine, ma spesso la frustrazione incombe….Ma non demordo, ciao Fiammetta

    • buongiorno Fiammetta! intanto grazie.
      per il resto c’è un rimedio. e posso parlartene nel dettaglio. se mi confermi la mail di invio – basta che mi dici sì – ti scrivo.

      • Ho lavorato molto in questi due tre anni, seguendo un forte impulso a fare e qualcosa di buono è uscito (almeno così mi dicono) ma adesso avrei bisogno di uno stimolo forte per trovare la mia più intima e autentica cifra stilistica. Ma al momento sto brancolando. Lo so che questo tema non attiene al tuo blog, forse ho solo bisogno di un analista …ma sento che mi puoi aiutare. Grazie, Fiammetta

    • grazie vilma, sei molto gentile. in realtà sono talmente semplici che sì, è come avere un passeparout temporale. vaglielo a spiegare…

  4. Grazie Efrem sto facendo anche io questo esercizio…mi piace tanto è come Incontrare la me di anni fa, però avere a che fare con ricordi archiviati eh si è davvero dura! Un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *