Io cerco te

Annarita by Efrem Raimondi

Io cerco te.
Io cerco chi non si vede.
Io cerco chi mi sta davanti.
Io cerco te.
Io cerco tra le pieghe del gesto, lungo la smorfia delle tue labbra.
Io cerco te. Io cerco il tuo riflesso e al suo barlume m’aggrappo.
Io cerco te, così come ti giri e mi guardi.
Che cosa vedi? Fin dove arrivi?
Ti ricordi? Anch’io ho avuto vent’anni.
Anche qualcuno in più. Anche un po’ meno.
Adesso è ieri: a cosa credi serva la memoria?
Io cerco te.
Se ti nascondi io ti vedo.
La tua maschera…
Non ti serve alcuna armatura: sei nuda.
Io cerco te.
Non ho bisogno di niente e ’st’aggeggio che pesa, ‘sta roba che scatta è il nostro specchio.
Io cerco te.
E a volte mi trovo.

 

Laura by Efrem Raimondi

Laura, 1986

Vanessa Beecroft by Efrem Raimondi

Vanessa Beecroft, 2011

Cat Power by Efrem Raimondi

Cat Power, 2012

FERNANDA PIVANO by Efrem Raimondi

Fernanda Pivano, 2005

ZHANG JIE by Efrem Raimondi

Zhang Jie, 2008

VALENTINA by efrem Raimondi

Valentina, 2010

Fiammetta Bonazzi by Efrem Raimondi

Fiammetta Bonazzi, 1995

Maddalena by Efrem Raimondi

Maddalena, 2016

MONICA BELLUCCI by Efrem Raimondi

Monica Bellucci, 1999

Laura by Efrem Raimondi

Laura, 2013

Laura by Efrem raimondi

Laura, 1998

MARIA TERESA by Efrem Raimondi

Maria Teresa, 1999

GIORDANA by Efrem Raimondi

Giordana, 1998

ALESSANDRA FERRI by Efrem Raimondi

Alessandra Ferri, 1996

FOOTBALL PLAYER by Efrem Raimondi

Football player, 2000

Dana de Luca by Efrem Raimondi

Dana de Luca, 2016

Azzurra Muzzonigro by Efrem Raimondi

Azzurra Muzzonigro, 2016

SILVANA ANNICHIARICO by Efrem Raimondi

Silvana Annicchiarico, 2012

INNA ZOBOVA by Efrem Raimondi

Inna Zobova, 2005

Francesca Matisse by Efrem Raimondi

Francesca Matisse, 2015

Anastasiia by Efrem Raimondi

Anastasiia, 2015

PIA by Efrem Raimondi

Pia, 2007

ADRIANA ZARRI by Efrem Raimondi

Adriana Zarri, 1984

Valeria Bonalume by Efrem Raimondi

Valeria Bonalume, 2015

Madri & Figlie: Miri Elias Rettagliata e Simona Segre. 2002

Miri Elias Rettagliata e Simona Segre. Madre e figlia, 2002 – non ricordo il nome del cane…

Annarita by Efrem Raimondi

Annarita, 1995

© Efrem Raimondi. All rights reserved.

La donna… sì certo, la fotografo. Ed è al centro.
Un altro centro.

Condividi/Share

40 thoughts on “Io cerco te

  1. Quanto ti voglio bene quando fai così.
    Ora capisco “io faccio sempre la stessa foto”. O “io fotografo sempre la stessa donna”.
    Mi servi da bussola, Raimondi. Poi magari io andrò a Ovest e non a Nord, ma la bussola. La bussola è fondamentale.

  2. Il ritratto mi ha sempre affascinato, il ritratto quello in cui cerchi di mettere in fotografia l’essenza di chi fotografi, non ci riesco quasi mai, qualche volta si però! Guardi la foto e vedi in quella foto ciò di che di quella persona ti affascina, ti incuriosisce, ti intriga o semplicemente ti piace, a volte è qualcosa di sottile, preciso, puntuale. A volte la cosa è chiara solo a te che scatti la foto, ma nel mio caso il fatto è assolutamente secondario, mi basta! Guardo queste tue foto e ricostruisco delle storie, mi ritornano degli elementi di quelle persone, non ho riscontri che siano veri, ma è una faccenda comunque forte.

  3. Le guardi tutte in silenzio . Di alcune so un po di storia dello scatto, perlomeno quello che ci hai voluto raccontare, di altre non so nulla , ma percepisci in tutte un racconto, un percorso, un approccio onesto e anche coraggioso . Messe tutte in fila così sono una meraviglia. Tanta stima .

  4. Ho apprezzato la tua ricerca non formale , colore, mosso bianco e nero, non ha avuto importanza , ma solo quello che “cercavi” …..

  5. Posso dire che secondo me hai uno sguardo “femminile” sulla donna? Nel senso che si vede che ami raccontare le donne, metterle al centro, appunto.
    I tuoi ritratti sono sinceri, queste donne sono rilassate, non si nascondono.
    p.s: mi piace tanto la foto di Laura dell’86!

  6. faccio così da un po’ di tempo Alessandro :)
    non importa dove indica la bussola, purché sia tarata. e ti riguardi

  7. in realtà Eugenio, c’è un trucco – che non è per niente un trucco: non pensare all’essenza di chi fotografi, pensa alla tua. magari non funziona per tutti così. per me sì. provaci…

  8. ma sì Salvatore, in fondo è ciò che si cerca che conta. e il bello che è sempre la stessa ricerca. e lo stesso ritrovare

  9. magari non tutte rilassatissime Luna :) però…
    però sono al centro. sì.
    e Laura ’86 sarà contenta. glielo dico.

    uno sguardo femminile? curioso…

  10. Piena di rispetto, sensibilità e poesia la tua visione della donna, molto intenso l’attimo che ti viene concesso di cogliere e che tu sai cogliere. Grazie per queste condivisioni! : )

  11. Meraviglia! Veramente un altro centro e si vede eccome talmente è lontano da certa raffigurazione della donna: grazie!

  12. Che dire, se fossi disposto a farmi “perquisire ” l’anima, ti chiederei di realizzarmi un ritratto . Unica e vitale come la terra Adriana Zarri, senza fine il filo della ricerca Maria Teresa 99,
    Imperscrutabile Laura 86

  13. Ritratti essenziali e veri questa la mia percezione, riconosco nelle modelle qualche volto noto e questo mi rimanda ad una fatica psicologica che solo chi ha un gran bagaglio culturale e consapevole del mestiere può ben gestire. Perfetto il tuo raccontare non toglierei una virgola e non l’aggiungerei. Tu ci sei qui Efrem. Complimenti.

  14. ti tranquillizzo Roberto: l’anima perquisita è la mia. quella delle persone che ritraggo resta lì indenne. giuro

  15. grazie!
    in realtà Esaedra Art, di modelle qui ce ne sono due. solo due. però nella circostanza fotografate in pausa, mi verrebbe da dire. tipo appunto Inna Zobova.
    anche se poi, come sappiamo…

  16. perso a ricercare o cercare qualcosa insito dentro ma indefinito o definito ma inconsapevole?
    qui le donne i gesti gli sguardi le movenze…sono così loro…e ci sei tu

  17. perdersi e basta, lubi. e ritrovarsi nel momento in cui sto fotografando. quando cominci a vedere. quando recuperi un senso di appartenenza, fosse anche solo per un istante

  18. c’è da svenire di bellezza! un colpo…in un colpo solo tremilacinquecento emozioni! grazie infinite!
    Biba

  19. tremilacinquecento mi sembra un ottimo numero Biba… tutte messe bene in fila o anche sparse come capita va bene uguale. ciao!

  20. Anche se sono convinto di quello che dici Efrem, un ritratto “profondo” e non banale, visto dalla persona soggetto , diventa a mio avviso un momento di “analisi” interiore ed esteriore che aiuta o porta alla perdizione psicologica la persona

  21. Difficile commentare quando la bellezza di opera e pensiero ti commuovono…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *