Website Galleries Update

Website galleries update… dovevo farlo.
Le precedenti erano del 2 ottobre scorso.
Essendo le uniche immagini immediatamente visibili dovevo farlo.
Sì perché tutte le altre, per un totale di 1.667, sono in ARCHIVE.
E lì si accede solo previa registrazione.

Non è stato facile. E non so neanche precisare il criterio che ho usato: a ben pensarci… boh.
Ho mantenuto alcune immagini delle precedenti gallerie.
Una sorta di legame affettivo che non so spiegare se non con una ricerca di continuità.
Ostinata direi.
Spazzar via non è un dogma per me. Spazzo quando mi serve. E allora spazzo.
Cosa che in effetti per una galleria ho fatto.
Una sola, ARTWORK. Via La mia famiglia e dentro i fiorellini.


Il sito è un luogo istituzionale. Qualunque sito sia.
Quindi difficoltà e dubbi, perché si tratta di un editing particolare.

O che evidentemente subisco.
Star lì a trovare le combinazioni, gli incastri, e questa sì quella no non adesso…
C’è sempre qualcosa di inconcluso.
Poi mi stufo.
Che tutto è perfettibile ma a un certo punto basta.
Tanto non sarà mai la soluzione perfetta. Non saprei neanche riconoscerla se la vedessi.

Questo è quanto: efremraimondi.com
Buona visione.

© Efrem Raimondi - All Rights ReservedMaria Teresa Gavazzi – Anna Maria Raimondi, mia zia – La Pina

© Efrem Raimondi. All rights reserved.

Condividi/Share

IN STUDIO

In studio non è la stessa cosa.
Ovunque non è mai la stessa cosa ma in studio di più.
Sembra un paradosso.

Anzi lo è. Perché lo spazio è dato e non muta.
Lo conosci. Conosci le luci che hai, anche quelle che eventualmente noleggi.
La luce ambiente che proviene dai finestroni è stagionale.
E rimbalza di conseguenza sulle pareti.
Quindi anche lei è un dato consolidato.
E si ripete a tal punto da non mutare mai.

Eppure in questa immutabilità dettata da un volume inalterabile, lo studio è luogo dinamico.
Ed è ciò che accade a renderlo tale: tutto uguale ma non è mai lo stesso.
Perché non è un contenitore vuoto, ci sei tu.
E lo studio, qualsiasi studio, non è indifferente alla tua presenza. Anche se non è il tuo.

Se penso alle tante persone che ho ritratto in studio, ai fiori e altri lavori, assignment o no, so e lo vedo: questo spazio è presente.
Accondiscende alla fotografia che fai.

E garbatamente si sposta. Nessuno lo vede. Tu sì.

Nell’ultimo studio che ho avuto, Milano via Orti, avevo una conoscenza in più: un ragnetto.
La prima volta che si palesò ero al telefono, alla scrivania. Vidi come un’ombra a una ventina di centimetri dalla mia faccia. Cacciai un urlo e volai indietro. Giù con la sedia.
Da terra lo vidi correre in verticale, rapidissimo, lungo il filo di ragnatela. Su fino al soffitto. Che era piuttosto alto.
Fu uno shock. Per entrambi.
Imparammo a convivere in quello spazio che era davvero underground come oggi non si può neanche immaginare: ricordo ancora la faccia di Miuccia Prada quando inaspettatamente passò a dare un’occhiata al lavoro che stavo facendo – collezione storica borse, art direction Italo Lupi. Anno Domini 1992.

Poi me ne sono andato. Da lì e da un po’ tutto. Non avevo bisogno di un mio studio, noleggiavo. Ero sempre in giro.
Ho sbagliato. Mi manca.
Chissà il ragnetto… So che ci siamo amati.

© Efrem Raimondi - All Rights ReservedQuest’angolo è un mio tributo allo studio di Laura Majolino.
Saltuariamente ci lavoro e quella sedia adesso lì così fino a un paio di minuti prima mi ha ospitato.
Non è il mio studio e ha una sua identità.
Ma se la riconosci diventa parte della tua dialettica fotografica.
Come fai a non capirlo?
Nessun luogo è uguale. Lo studio di più.

Ho contato le volte che nomino lo studio: tredici. Più una fotografia.

© Efrem Raimondi. All rights reserved

Condividi/Share