Milano – Siena – Pordenone: ottobre.

© Efrem Raimondi - All Rights ReservedMilano, poi Siena quindi Pordenone.
Questo mese di ottobre chiude un ciclo didattico.

Per aprirne un altro col prossimo anno.
Completamente diverso se non per un paio di eccezioni che verifecherò strada facendo.
Poi certo, si può ritenere che la didattica sia inutile. O che si equivalga.
Non è così.
E proprio perché non è così, l’intenzione, la mia, è di cambiare molto.
Ma intanto ottobre…

Parto dalla situazione più articolata: Siena: 6 – 8 ottobre.
Un tour de force organizzato in collaborazione con Lombardi Arte.
E grazie all’energia e all’impegno, serio, di Niccolò Cesarini e Stefano Fantini.
Però non ho capito cosa è successo al loro sito…

Per cui rimbalzo alla pagina Facebook:
https://www.facebook.com/lombardiartegallery/

Per lo specifico del workshop questo il link:
https://lombardiarte.com/pages/la-sede-del-ritratto-workshop-di-efrem-raimondi

E alla mail per le eventuali informazioni:
info@lombardiarte.com

Efrem Raimondi a SienaIn primis il 6 alle 18.00, con la lectio Presente Imperfetto.
Molto simile a quella tenuta con Benedetta Donato al MAXXI di Roma a giugno.
Mi accompagnerà Alessandro Pagni questa volta.
Se riesco a convincerlo.
Amo la sua scrittura e l’acutezza del pensiero.
Anche la sua garbata riservatezza. Vediamo…

La stessa sera inauguriamo PORTRAIT FOR SALE.
Una piccola mostra di 19 opere in tiratura limitata: ritratto.
Quello che mi riguarda… trasversale.
Ho mischiato un po’ le carte, per cui non anticipo nulla, almeno io.
FOR SALE perché sono decisamente in vendita.
Proprio senza girarci intorno, a fronte di stampe che sono proprio stampe.
E insisto, la carta è un’altra cosa se trattata come si deve.
Perché sa restituire matericità.
Mentre vederla non costa nulla, e chi ha piacere venga.
O vada. Sino al 22 ottobre.

Il 7 e l’8 il workshop La sede del ritratto.
Che è un percorso tosto. E prevede disponibilità: da parte mia e dei partecipanti.
Il ritratto al centro. Ma l’impegno è quello di trascendere il genere.
Di evitare i cliché. Di impossessarsi del dubbio e non di esserne in balìa.

Stesso workshop a Pordenone il 21 e 22 ottobre.
Organizzato con DUE PIANI.
Qui sotto tutte le info

Efrem Raimondi a PordenoneLo scorso novembre ero in Friuli e sono passato a trovare Leonardo Fabris, deus ex machina di questo spazio davvero gradevole: bello lo spazio, belle le persone.
Quindi eccomi qui.
Le premesse sono sempre le stesse per quello che riguarda i partecipanti: non è necessario coincidere con la mia visione del ritratto.

Ma resettare sì, ed essere disponibili a mettersi in gioco pure.
Un workshop non è ”Aperitivo con”.
E l’impegno, sottolineo ancora, è reciproco.
Massimo 16 partecipanti.

Quindi Milano. A partire dal 3 ottobre.
Che ho lasciato in fondo perché qui il discorso comincia a mutare: 10 incontri, uno alla settimana – il martedì dalle 20 alle 22 – sino a gennaio 2018:
http://www.bottegaimmagine.it/ritratto-efrem-raimondi/

Organizzato con Bottega Immagine dopo una chiacchierata con Stefano Bernardoni, che la dirige.
Un percorso mutuato dall’esperienza del workshop sul ritratto, solo più spinto.
Proprio andando a cercare il dettaglio.
E le contraddizioni.
Con al centro la figura umana avendo chiaro che tutto dipende da noi: niente alibi, e la consapevolezza di ciò che facciamo è fondamentale.

Efrem Raimondi a MilanoNon partiremo da zero, ma se dovessimo accorgerci di qualche lacuna ”grammaticale”, abbiamo il tempo per affrontarla.
Pensando sempre, e questo è l’obiettivo, che qualsiasi strumento abbiamo a disposizione è subordinato all’uso che vogliamo farne.
Questo è un corso didattico che ci permette di affrontare con maggiore disponibilità sia il cosa che il come.
Sul perché tralascio. Ne parleremo in aula.
E ci lavoremo. Perché proprio si lavorerà.
Di cranio e di mani. Anche di gambe, che valgono sempre di più di qualsiasi obiettivo.

Questo al momento è quanto. E mi sembra abbastanza.
Poi si vedrà.
Tutti gli aggiornamenti sul calendario, nel menù alla voce WORKSHOP ECCETERA.

© Efrem Raimondi. All rights reserved.

Condividi/Share

Antonio Marras – DOUBLE SNAPSHOT

Antonio Marras by Efrem Raimondi

Antonio Marras, 2003 – Stern magazine.
From the series Double Snapshot.

Un redazionale di ritratti a diversi fashion designer.
Mi venne voglia di stropicciarli un po’.

Di stirarli…
Nessuna obiezione.
Che poi era più semplice fare che spiegare la mia intenzione.
Ed è sempre così.

Quello delle DOUBLE SNAPSHOT è un percorso iniziato nel 2000.0 a Los Angeles.
Con delle Polaroid SX-70. Quasi casualmente…
Che non riuscivo a far star dentro tutto ciò che m’interessava.
Perché il formato quadrato è sì affascinante, ma non tira da nessuna parte.

Così l’ho allungato: prima su, poi giù. Piuttosto che prima a sinistra, poi a destra se lo sviluppo è orizzontale.
Fregandomene totalmente della coincidenza delle due sezioni.
Anzi cercando la distonia.

Che arrivava naturalmente. Nessun artificio.

Dalla Polaroid al negativo il passo è stato indolore.
Così ho proseguito.
Anche col digitale. Cambia zero.

È come impossessari dello spazio che non ti appartiene.
In fondo l’unica cosa che ci riguarda direttamente è la percezione.

Il cui limite coincide col nostro.

Tornando a  Antonio Marras, in corso alla Triennale di Milano la mostra Nulla dies sine linea Vita, diari e appunti di un uomo irrequieto.
Fino al 21 gennaio.

© Efrem Raimondi. All rights reserved.

Condividi/Share

Robert Frank – GLI AMERICANI, exhibition

 

© Efrem Raimondi - All Rights ReservedSi scrive e si legge Frank. Non Frenk…
Perché il fanciullo, novantaduenne, è svizzero di Zurigo.
E forse anche per questo all’inizio non è che THE AMERICANS sia stato tanto amato dai medesimi… che in fondo lo sappiamo, gli americani di primo acchito non amano molto lo sguardo degli altri su sé stessi.
Poi però ci ripensano, e con tempi non galileiani in genere.
A quel punto è amore. Per sempre.
E così diventi Frenk.

Questa alla galleria FORMA MERAVIGLI è una mostra potente, non eludibile: 83 fotografie vintage… alias stampa ai sali d’argento… quella bella baritata che schiocca al tocco, e il nero è nero, il bianco bianco, con in mezzo i grigi che riempiono e danno volume.
Ed è una mostra talmente baritata che anche ferma e sotto vetro, anche a tre metri si sente lo schiocco.
E si vede.
C’è da riempirsi gli occhi… tutta la testa. Il cuore. L’anima.

© Efrem Raimondi - All Rights Reserved

Di fronte  alla copia slegata e stesa

Qua e là ci sono anche alcune sue riflessioni. Che valicano questo percorso e riguardano proprio l’idea di Fotografia che lo riguarda.
E coincidono con la Fotografia che produce.
Una direttamente da una copia originale della rivista Camera del 1959:
La produzione massificata di un fotogiornalismo privo di ispirazione e di una fotografia priva di pensiero diventa merce anonima.
L’aria si ammorba della “puzza” di fotografia
[] Non sono un pessimista, ma se guardo una rivista illustrata oggi trovo difficile parlare di un progresso della fotografia, perché la fotografia oggi viene accettata senza domande, e si ritiene che sia compresa da chiunque, persino dai bambini. Credo che solo l’integrità individuale del fotografo possa innalzarne il livello.

© Efrem Raimondi - All Rights Reserved

© Efrem Raimondi - Blog

In una bacheca le varie edizioni del libro, a partire dalla primissima francese
LES AMÉRICAINS del 1958.

Quello che non sapevo è che la seconda, del 1959, è italiana:
GLI AMERICANI, Milano, Il Saggiatore.

© Efrem Raimondi - All Rights Reserved

Io ho la mia edizione. Da molti anni.
Ma vedere l’intero lavoro appeso, scorrerlo fisicamente…respirarlo: andare oltre e ritornare, fisso nel nero… perso nel gesto sospeso che si allunga, si allunga, si allunga e ti prende lo stomaco.
Tu le guardi e sei lì.
Esattamente lì sull’East River del ’54… a San Francisco nel ’56… nello sguardo di un testimone del ’55 che non c’è più tu ti rifletti, e vedi Robert Frank, lo vedi proprio: sei fuori dal tempo, sei dentro lo spazio infinito, fluido, che non certifica alcun istante e sfigura la Storia.
Come fottere il destino.
Questo ciò che c’è in mostra.
E se non la vedi puoi comunque crederci, ma se la vedi, se la vedi…

© Efrem Raimondi. All rights reserved.

© Efrem Raimondi - All Rights Reserved
© Efrem Raimondi - All Rights ReservedGLI AMERICANI – ROBERT FRANK
Fondazione Forma per la Fotografia – Maison Européenne de la Photographie, Parigi
Galleria FORMA MERAVIGLI

via Mervigli 5 – Milano
Fino al 19 febbraio 2017

Ufficio stampa, Laura Bianconi
stampa@formafoto.it
335 7854609

© Efrem Raimondi - All Rights Reserved

© Efrem Raimondi - All Rights Reserved

© Efrem Raimondi - All Rights Reserved

© Efrem Raimondi - All Rights Reserved

© Efrem Raimondi - All Rights Reserved

© Efrem Raimondi - All Rights Reserved

© Efrem Raimondi - All Rights Reserved

© Efrem Raimondi - All Rights Reserved

© Efrem Raimondi - All Rights Reserved

© Efrem Raimondi - All Rights Reserved

© Efrem Raimondi - All Rights Reserved

© Efrem Raimondi - All Rights Reserved

© Efrem Raimondi - All Rights Reserved

© Efrem Raimondi - All Rights Reserved

© Efrem Raimondi - All Rights Reserved

© Efrem Raimondi - All Rights Reserved

© Efrem Raimondi - All Rights Reserved

© Efrem Raimondi - All Rights Reserved

© Efrem Raimondi. All rights reserved

© Efrem Raimondi - All Rights Reserved

Baritate che ti saltano addosso…

Condividi/Share

TOGETHERSTRONGER STEP FORWARD

toghetherstronger

Togetherstronger Step Forward è una mostra che si terrà a Palermo il 20 ottobre presso Église.
Si tratta di un evento per la raccolta fondi a favore della popolazione vittima dell’ultimo terremoto, quello del 24 agosto in Centro Italia.

Con la collaborazione congiunta del Perugia Social Photo Fest e Église.
Molti gli autori che hanno donato una propria opera e che viene venduta a cento euro. Tutte quante… nessuna asta, nessuna distinzione: cento euro.

La vendita continua fino all’11 novembre. Anche on line.
Per tutte le informazioni e i dettagli:   
https://blogeglise.wordpress.com/2016/10/11/togetherstronger-step-forward/

E questa è la mia, Trussardi novantasei.
35 x 23 cm su carta 40/30 Hahneműhle Fine Art Rag Pearl 320 gr.
Stampa destinata a TOGETHERSTRONGER,  non numerata firmata sul retro.

trussardi novantasei by Efrem Raimondi

   © Efrem Raimondi. All rights reserved.

Buona partecipazione e diamoci dentro.
Ciao!

Condividi/Share

Ca’ Brutta 1921 – Exhibition

Ca’ Brütta 1921… la mostra alla quale avevo accennato a dicembre.
Adesso è pronta. Inaugurazione 14 aprile ore 18,00.
Milano, Castello Sforzesco, Sale Viscontee fino al 10 luglio.
A cura di Giovanni Tommaso Muzio e Giovanna Calvenzi.
Siamo in trenta.
Manca, e manca molto, Cesare Colombo. Che era con noi durante i sopralluoghi.
Ma ci ha improvvisamente lasciato…

Qui c’è tutto   ITA + sito

E questa è la mia

Mi piace la Ca' Brutta by © Efrem Raimondi

Sbagliata… c’è un errore. Evidente.
Grande come una casa…

L’ho accarezzato. E tenuto con affetto.
Ho invece restituito la Mailand, cornice tedesca gentilmente prestatami dai miei amici Caccia, corniciai.
Ringrazio Francesca Matisse per la presenza.

Mi piace la Ca’ Brutta, 2015
70 x 52,5 cm
Fine Art Giclée ai pigmenti
Canson RAG PHOTOGRAPHIQUE 310 gsm
Tiratura 1/5

© Efrem Raimondi. All rights reserved.

Condividi/Share

Violenza e Fotografia

Aggiornamento dell’articolo che precede: Vivian Maier – Milano.
Che non mi va di infilarlo lì. Almeno al momento.
Perché la Maier non è in questione.
Ciò che è in questione è questo passaggio:

Ho bisogno di vedere cos’hai da dire sul mondo.
Di te e della tua patologia non me ne frega un cazzo.
Attrezzati e dalle forma.

Diretto, vero.
Di più: violento.
Vero.
E da alcuni per niente digerito. Chi pubblicamente, con toni comunque garbati, chi privatamente e meno garbatamente.
L’avevo messo in conto.
Ma andava detto.
Esattamente così.
Esattamente come stessi fotografando.
Che talvolta emetto un urlo.
Non uno schiamazzo. Un urlo muto.

© Efrem Raimondi, All Rights Reserved

                                                                                                                           Altalena, 2007

Chi lo intercetta e chi pensa che si tratti di un gioco degli angioletti nel cielo blu dipinto di blu.
Per me è uguale.
Anzi no. Per niente.
Che per quanto si dica, siamo ancora ben lontani dal saper cogliere il linguaggio quando è semplice.
Soprattutto quello che la fotografia usa.
Se è di linguaggio che parliamo.
Cioè qualcosa che ti riguarda intimamente.
E non una comparsata glamour.
Se invece è qualcosa che deve restare in superficie, che non ha alcun intento espressivo, allora parliamo di altro.
Anche di figa, che non tramonta mai.
Con buona pace di chi i tramonti li odia.
I gattini, per una volta, lasciamoli fuori per favore.

Però però…
Però ciò che ho urlato, non è estrapolabile da quel contesto.
C’è un prima e c’è un dopo: mica è un aforisma!
Quindi, adesso, nessuna excusatio non petita.
Solo prendo la mira…

Il soggetto non è la Woodman in quanto individuo; non le patologie più o meno gravi, di chiunque; non il suicidio.
Ma il prodotto fotografico. Di chiunque.
Che naturalmente è sempre artistico in questi casi. Per definizione.
Mica che si possa anche solo distrattamente pensare che è una parodia.
E se il soggetto è ciò che si mostra, nessuno sconto è possibile.
Nulla, e neanche una condizione di disagio o una patologia cambiano il peso specifico del prodotto.
Il mercato, chi lo gestisce e influenza, faccia tutte le operazioni che ritiene.
Anche di marketing.
Ma è sempre di un prodotto che si parla.
Che non ha un passaporto clinico.

Si potrebbe emigrare… in altri luoghi che usano il linguaggio, resto invece attaccato alla questione fotografica.
Che può benissimo essere anche terapeutica.
Anzi lo è. Anche per me.
Solo che il punto è cosa restituisce.
E se il cosa è solo il tuo ombelico, devi avere una tale padronanza del come, alias una cifra espressiva, che il tuo ombelico mi risulta distintamente un pretesto.
Non è così.
E al terzo ombelico ti abbandono.
Lasciandoti alla tua personale terapia.

Vale anche per gli epigoni… ribadisco, soprattutto epigone – e questo davvero mi addolora – più o meno smutandate, che passano il tempo allo specchio.
Restituendoci un’immagine speculare. E non riflessa.
Di te e di ciò che vedi non arriva nulla.
Se insisti nel mostrarlo, da condizione legittimamente terapeutica che ti riguarda, diventa palese dimostrazione di arrogante analfabetismo.
Non opera.
Per questo non me ne frega un cazzo.

Non sono un critico. Sono un fotografo.
Dico semplicemente la mia.
Esattamente come quando fotografo.
Non ho pretese universali.
Il linguaggio però resta uno.

© Efrem Raimondi. All rights reserved

Condividi/Share

Vivian Maier – Milano

Vivan Maier - Efrem Raimondi blog

 

Vivian Maier. Non ci volevo neanche andare.
E sbagliavo.
È che c’è questa incredibile straordinaria storia che la riguarda.
Troppa per essere vera.
Quindi verissima.
Ma in qualche modo ha dopato la questione vera, cioè la fotografia che la riguarda.
Di fronte a certi exploit mediatici sono sempre un po’ scettico.
E riluttante ad assecondarli in un sol impeto.
Come un sospetto…
Mi viene in mente la Dama con l’ermellino e i chilometri di coda per vederla esposta a Milano.
Anno 1998… un delirio: gente sicura di trovarsi di fronte alla rivelazione del ritratto.
La sua essenza.
Chilometri sprecati.

Qui la storia è diversa. Vero.
Ma restava quel battage che mi allontanava…
Due carissimi amici mi hanno cooptato.
Ed eccomi qui.
Però ho fatto una cura prima: mi son detto e ripetuto che sarei entrato solo per vedere.
E sia quel che sia.

Vivan Maier - Efrem Raimondi blog

Una solitudine troppo rumorosa, parafrasando Hrabal.
Un silenzio assordante lungo tutto il BN dei ’50 e ’60 e poi ancora col colore dei 70’.
Una consapevolezza assoluta.
Un’attenzione ossessiva, lucidamente reiterata e magistralmente modulata intorno alla fauna umana. E ai suoi dettagli.
Una patologia struggente…
Che però trova forma.
A differenza di altri – soprattutto altre, soprattutto oggi – che a furia di osservare SOLO il proprio ombelico ci precipitano.
Semplicemente perché esauriscono le pagine del racconto, breve e di intensità prossima allo zero, che alla quarta mi vien da dire sì va be’ e allora?
Così dalla Sherman, almeno un po’ ironica, alla Woodman zero ironia, più tutte le epigone… che noia!
Là sul loro terrazzino a guardarsi allo specchio.
E la fotografia come strumento di autoanalisi.
E perché mai ce ne dovrebbe fregare qualcosa?

Ho bisogno di vedere cos’hai da dire sul mondo.
Di te e della tua patologia non me ne frega un cazzo.
Attrezzati e dalle forma.
Che la masturbazione ha anche un suo grado di piacevolezza… poi però basta, si va al sodo.

I fotografi partono da sé. Tutti.
La differenza la fa il ritorno. Che per essere autenticamente espressione è un circuito aperto.
Che neanche sai bene dove va a parare.
Forse non t’importa neanche.
Un po’ come Vivian Maier.
Ed è qui che mi sono ricreduto.
Perché ho guardato la sua Fotografia.
Autenticamente potente.
Disperatamente commovente.
Zero autocelebrativa – che son mica quella decina di autoritratti…
Finalmente ritrovata.
Forse suo malgrado.
Ben oltre la sua storia più o meno romanzata.
Che passa in secondo piano.

E non m’interessano neanche un po’ le illazioni che non la vorrebberro realmente autrice in quanto lei non ha sviluppato.
Lei non ha stampato.
Lei non ha diretto la sua visione solida.

Questo forse riguarda solo le sue paure.
Non le nostre.
Guardiamo queste fotografie.
Punto.

© Efrem Raimondi. All rights reserved

Vivan Maier - Efrem Raimondi blog

Vivan Maier - Efrem Raimondi blog

Vivan Maier - Efrem Raimondi blog

Vivan Maier - Efrem Raimondi blog

Vivan Maier - Efrem Raimondi blog

Vivan Maier - Efrem Raimondi blog

Vivan Maier - Efrem Raimondi blog

Vivan Maier - Efrem Raimondi blog

Vivan Maier - Efrem Raimondi blog

Vivan Maier - Efrem Raimondi blog

Vivan Maier - Efrem Raimondi blog

Vivan Maier - Efrem Raimondi blogVivan Maier - Efrem Raimondi blog

Vivan Maier - Efrem Raimondi blog

E sono davvero contento che ci sia di nuovo Fondazione Forma.
Uno spazio in più. E non in meno.
A cura di Anne Morin e Alessandra Mauro, sino al 31 gennaio

Vivan Maier - Efrem Raimondi blog

© Efrem Raimondi. All rights reserved

Condividi/Share

Gabriele Basilico – Ascolto il tuo cuore, città

Gabriele Basilico Exhibition - Efrem Raimondi Blog

Gabriele Basilico, Ascolto il tuo cuore, città.
Una sola roba: monumentale.
Soggetto unico, la città. Modulata tra il 1978 con le fabbriche milanesi, e il 2012 coi cantieri di Porta Nuova, ancora Milano.
In mezzo c’è tutto il resto, a partire da Beirut.
E poi dovunque Gabriele Basilico ha calpestato terra.

150 opere, video, filmati… c’è talmente tanta densità che c’è da prendersi una mezza giornata.
Vietato correre… tre ore. Due abbondanti sicuro.
E magari tornare.

Fino al 31 gennaio – info –  presso UniCredit Pavilion, piazza Gae Aulenti 10, Milano.
Curata da Walter Guadagnini con la collaborazione di Giovanna Calvenzi.
Catalogo edito da Skira.

Quello che non mi aspettavo era il luogo, l’UniCredit Pavilion.
Non ci ero ancora entrato…
Decisamente affascinante.
Così sfondato nel suo corpo centrale rivela delle sorprese.

Disegnato da Michele De Lucchi…
Perfetto per questa mostra.
Che quasi quasi ci torno.
Anzi, devo tornarci: mi manca una parte dei filmati.
L’ho detto: prendetevi un tempo abbondante.
E godetevi il tutto.

Gabriele Basilico Exhibition - Efrem Raimondi BlogGabriele Basilico Exhibition - Efrem Raimondi BlogGabriele Basilico Exhibition - Efrem Raimondi BlogGabriele Basilico Exhibition - Efrem Raimondi BlogGabriele Basilico Exhibition - Efrem Raimondi BlogGabriele Basilico Exhibition - Efrem Raimondi BlogGabriele Basilico Exhibition - Efrem Raimondi BlogGabriele Basilico Exhibition - Efrem Raimondi BlogGabriele Basilico Exhibition - Efrem Raimondi BlogGabriele Basilico Exhibition - Efrem Raimondi BlogGabriele Basilico Exhibition - Efrem Raimondi BlogGabriele Basilico Exhibition - Efrem Raimondi BlogGabriele Basilico Exhibition - Efrem Raimondi BlogGabriele Basilico Exhibition - Efrem Raimondi BlogGabriele Basilico Exhibition - Efrem Raimondi BlogGabriele Basilico Exhibition - Efrem Raimondi BlogGabriele Basilico Exhibition - Efrem Raimondi BlogGabriele Basilico Exhibition - Efrem Raimondi Blog© Efrem Raimondi. All rights reserved

Condividi/Share

Instant Movie N.1

© Efrem Raimondi. All rights reserved.

 

Una mostra da vedere assolutamente, ABSENCE OF SUBJECT.
Milano, Fondazione Stelline, Corso Magenta civico 61. Inaugurata il 31 gennaio e visitabile fino al 7 aprile 2013. Esposte le celebri opere di August Sander e a fronte, proprio sulla parete opposta, le rielaborazioni di Michael Somoroff. Un lavoro, quello di Somoroff, di sottrazione del soggetto. Restituendoci il luogo del lavoro di Sander, la location direbbero oggi molti, intatta. Non sappiamo se prima o dopo il passaggio dei soggetti sanderiani.
Un incredibile lavoro possibile solo grazie al digitale. A una applicazione acutissima, feroce, dei software a disposizione. In qualche caso ricostruendo completamente l’intera scena. Ma non si tratta di un mero lavoro concettuale… quello che ci viene restituito ha vita autonoma. E alcune immagini sono di una bellezza straordinaria. Diventando a loro volta soggetto. Almeno io la vedo così.

August Sander – Michael Somoroff. All rights reserved.

Al piano di sotto ci sono sei video. Altra intensa interpretazione da parte di Somoroff… un omaggio forte e toccante all’opera di Sander.
Qui io non ho saputo resistere… e con l’iPhone mi sono concentrato s’una porzione di luce e buio. So mica se lecito o no. Intanto è qui. E poi non è una riproduzione… ma una porzione di emozione che mi sono messo in tasca.
Che poi ho manipolato. Strapazzando un po’ tutto,  anche Ry Cooder.

© Efrem Raimondi. All rights reserved.